19.12.06

Il lavoro, la professionalita' e la voglia di fare




Oggi sono da un cliente per l'istruzione sul flusso di lavoro; mentre stiamo parlando di un problema relativo alla gestione dei files DCS2...

toc, toc!... entra una ragazzo robusto, con in braccio una Phaser 3400, "sono il Tecnico della stampante, dove devo metterla?"
Dopo aver indicato la destinazione, ed il computer al quale collegare la stampante, il cliente riprende con me la discussione che si era interrotta.
In sottofondo sento il lavorio del "collega Tecnico".
Dopo un paio di minuti esordisce ..."ma su questo computer non c'e' la porta USB! io non ho mica un cavo parallelo per installare la stampante! cosa vogliamo fare?"
Il cliente mi guarda con aria interrogativa... poi, dopo un breve consulto ed in comune accordo col Tecnico, viene deciso di installare la stampante su un altro PC dotato di Windows XP e porta USB, situato a pochi metri dal primo; i due computer essendo in rete Ethernet potranno condividere la stessa stampante...

Riprende il nostro corso, mentre il solerte "collega Tecnico" procede all'installazione ed alla configurazione della periferica.
Passano altri 10 minuti... "hm...il computer di prima e' vecchio, ha su NT4... ed ha un problema... non vede la rete; quindi io non posso configurare la stampante anche di la. Su questo con Windows XP, ho fatto la stampa di prova e tutto funziona bene, direi che ho finito..."
Il cliente obbietta che la stampante e' stata messa li' per poter stampare col vecchio computer e non con quello nuovo!
"ha!...io le mani sulla rete non le metto... chiedete a chi vi a fornito i PC!" - sbotta il "Tecnico"...

Non dico nulla, il "Tecnico" saluta ed il corso prosegue per tutto il pomeriggio...
Avevo gia' chiuso il portatile e mi ero gia' messo il giaccone quando... non resisto! la mia curiosita' ha la meglio sulla mia determinazione di non impicciarmi dei problemi altrui!

Rivolgendomi al cliente, mentre mi sfilo il giaccone, - "scusa un attimo, fammi vedere perche' mai questa stampante non deve funzionare come si deve..."
Mi siedo davanti al paleolitico NT4 e ... click! click! click! ... un paio di PING, un paio di modifiche all'indirizzo IP e le due macchine si vedono che e' una bellazza ... click! click! click! ... poco dopo la coda di stampa e' configurata anche su questa stazione... click! click! click! ... pero' le stampe non vengono bene, stampando da NT escono solo dei fogli bianchi; hmm... click! click! click! ... un cambio di drivers alla coda di stampa e ... TADAAAA!
Ora il tutto e' configurato e funzionante!

Non so perche' ma mi sento meglio ... mi rimetto il giaccone... e mi congedo con un sorriso, "Ciao, ci vediamo domattina." .

[ML]

2 commenti:

ottokin ha detto...

Ottimo lavoro direi! Purtroppo anche in questo caso, come sottolinei nel titolo è la voglia di fare a farla da padrona, io faccio il grafico e anche da me in ufficio determinate cose non mi "spetterebbero" dovrei fare le mie cosine con i miei programmi e stop! Niente sistema, configurazioni, ricerca di nuove soluzioni, rete ecc. ecc. Ma ho un difetto, un maledetto difetto di fabbrica, non riesco a non interessarmi quando le cose non vanno, se qualcosa non funziona in giro, sbuca sempre la mia testolina ad impicciarsi, non èerchè so le cose, ma perchè credo che LORO siano macchine e nella stragrande maggioranza dei casi NON VINCONO MAI, il problema è sempre superabile, se ci si mette un po di buona volontà!

ciao ciao
e auguri

ML ha detto...

...sai Ottokin, alle volte credo che al mondo servirebbero piu' persone, come me e te, con questo "difetto di fabbrica". Ma questa e' solo un utopia, ed in quanto tale credo sia destinata a restare un desiderio fine a se stesso.

A mio avviso la ns. "LOTTA" nel sopraffarre le macchine, non e' mai contro un inanimato ammasso di chip e ferraglia; ma, il piu' delle volte, contro noi stessi, contro la nostra pigrizia mentale.

Io, nel limite del possibile, cerco di circondarmi di queste persone cosi' "difettose", ma cosi' tanto umane!
;-)

Buon Natale.